Fare informazione è sempre più importante

Siamo nel 2019. Internet non è più una novità, anzi. Ormai tutti hanno accesso alle piattaforme online, facendo riferimento ai social network ed in particolare a Facebook. Quest’ultimo è diventato un grosso paniere di idee, senza censure e senza grandi controlli sui “diffusori” di fake news. Queste notizie false di per sé non sono un problema: con un minimo di cultura generale, coscienza e conoscenza da parte dei lettori, le fake news non dovrebbero rappresentare un pericolo. Purtroppo accade spesso il contrario: le persone sono sempre più sensibili a notizie false proprio perché mancano i requisiti minimi per poter collegare il proprio cervello alla realtà fattuale. E perché? Perché una persona non riesce a capire che (anche parlando delle questioni più semplici, non per forza di ingegneria) sta leggendo una bufala?

Le risposte più lampanti potrebbero essere due:

  1. Le persone hanno troppa poca “puzza sotto il naso”, ovvero tendono a fidarsi facilmente, senza provare a trovare un’antitesi di ciò che stanno leggendo;
  2. L’istruzione: probabilmente, quest’ultima è il requisito principale per riconoscere una fake news.

Mariana Mazzucato, nel suo libro “Lo Stato Innovatore” sottolinea più volte come le spese di ricerca & sviluppo (R&S) siano fondamentali per la crescita e l’innovazione in un Paese. E possono essere di R&S anche le spese per l’istruzione. Quindi, la domanda dovrebbe essere: quanto spendiamo per l’istruzione in Italia?
Poco. Spendiamo veramente poco. Nel 2017 risultiamo il terzultimo Stato membro dell’Unione Europea per spesa in istruzione [ilsole24ore – 30/08/2017 – Alberto Magnani].
Il grado di istruzione medio di un Paese e il suo livello di spesa potrebbero essere correlati. Partendo da questa supposizione, quindi, si evince che in Italia il grado di istruzione è relativamente basso, e questo viene confermato da Universita.it, che riporta dati Eurostat: “meno di 1 italiano su 6 è laureato e 4 su dieci hanno solo la licenza media” [Universita – 09/04/2018 – Maria Russo].

Tutto questo cosa ha a che fare con le fake news?
Semplicemente, meno si è preparati, più si è esposti all’inganno. Questo si può vedere chiaramente ogni giorno sui social network, ed ulteriore riscontro lo si ha vedendo la percentuale di voto che hanno i partiti di protesta, che non sempre espongono relazioni attendibili da un punto di vista scientifico e/o didattico.

Alvise Pedrotti

4 pensieri riguardo “Fare informazione è sempre più importante

  1. Un altro aspetto del successo delle fake news secondo me è il bisogno di trovare sempre un colpevole altro…( mai noi) e comunque è uno strumento che è sempre stato usato nella storia del uomo, perché parla direttamente alla pancia e non al cervello.

    Piace a 1 persona

Rispondi a Maira Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...